top of page
Cerca
  • Simone Ferrari D.O.

Tendiniti, contratture e infortuni muscolari ricorrenti: solo problema del muscolo?

Aggiornamento: 26 mar 2020


Se sei uno sportivo sicuramente ti sarai trovato ad affrontare, almeno una volta, infortuni muscolari come tendiniti, affaticamenti, contratture e strappi.

Durante l’attività sportiva può capitare di sovraccaricare in maniera eccessiva i nostri muscoli come succede durante una gara intensa in cui diamo il tutto per tutto.

Facciamo un esempio: sono un giocatore di tennis, mi iscrivo ad un torneo e gioco diverse partite; arrivato alla 4°/5° partita di fila, durante uno scatto per arrivare su una palla, inizio a sentire una “fitta” a livello della coscia che peggiora sempre di più mentre mi muovo sul campo.


Questo è un classico esempio in cui il giocatore ha “stressato” in maniera eccessiva la sua muscolatura, la quale non era preparata per un’ attività così intensa, e dopo averla sollecitata a lungo è arrivato l’ infortunio. Esso può essere più o meno grave: si va da uno stadio più lieve come il caso di una contrattura, tendinite o di un affaticamento, ad uno stadio più severo come lo stiramento/strappo muscolare.

Soffrire di infortunii a causa di un sovraccarico delle nostre strutture è assolutamente normale. Il corpo deve essere allenato per reggere i ritmi di un’attività intensa. Se non lo è, andremo inevitabilmente incontro a queste problematiche prima o poi.

Quello di cui vorrei parlare oggi non è la persona che soffre sporadicamente di un infortunio, una tantum per il troppo sforzo; vorrei invece soffermarmi su coloro che in maniera ciclica accusano sempre lo stesso problema.

La riflessione che ti vorrei passare è la seguente:

Perché alcuni soggetti soffrono costantemente dello stesso infortunio muscolare?

Ad esempio: il tennista che in maniera ricorrente si infortuna sempre e solo alla coscia destra, e non riesce ad avere continuità negli allenamenti perché questo problema si continua a presentare. O ancora: il calciatore che ogni domenica si trova costretto ad uscire dal campo anzitempo perché il polpaccio comincia a tirare e a far male, non permettendogli più di correre normalmente.

Le spiegazioni a questa domanda possono essere molteplici, vediamone alcune:

  • Recupero non corretto della lesione muscolare: il soggetto ha sofferto in passato di un infortunio nella zona in cui ha dolore e ha ripreso l’attività fisica troppo precocemente, non permettendo la corretta guarigione dei tessuti. Se non rispettiamo i giusti tempi di recupero, le strutture mio-fasciali non cicatrizzeranno bene e avremo una recidiva.

  • Esercizi mal eseguiti in allenamento: se gli allenamenti a cui mi sottopongo non sono ben bilanciati e strutturati c’è il rischio che alcuni esercizi stimolino maggiormente una parte del mio corpo portandomi ad uno scompenso e di conseguenza ad un possibile infortunio.

  • Patologie locali o sistemiche: è possibile che il dolore sia provocato da un processo patologico più o meno grave nella zona dolorante o in altri distretti del corpo.

Una volta che abbiamo escluso alcune cause primarie, possiamo soffermarci su un’ulteriore punto, che può dare una svolta nella risoluzione del problema:

Alterazione posturale

Se una disfunzione muscolo-scheletrica, viscerale o cranica ci costringe a mantenere una posizione non confortevole, influendo negativamente sulla nostra postura, con il tempo il nostro corpo non sarà più in grado di adattarsi ed ecco che inizierà il dolore.

Prova a pensare a cosa potrebbe succedere se tu ogni giorno portassi una borsa molto pesante sempre e solo con la mano destra, che ti mantiene leggermente inclinato con la schiena per diverse ore al giorno; probabilmente anche tu stai pensando: dopo un po’ di tempo avrei mal di schiena! Ed è proprio così.

Il concetto è lo stesso, ma al posto della borsa c’è una disfunzione articolare a mantenerti in quella posizione. Il risultato però non cambia--> mal di schiena.

Da questo possiamo intuire che andare a riabilitare solamente il muscolo o stare fermi aspettando che passi non è la soluzione. Perché? Se non rimuoviamo la causa il dolore si ripresenterà…e molto probabilmente è per questo motivo che continui a spendere soldi in terapia senza alcun risultato a medio-lungo termine. Stai trattando il sintomo, non la causa che genera il dolore.

Qual è la soluzione?

Rivolgiti ad un Osteopata: attraverso le sue conoscenze e la collaborazione con altre figure sanitarie come il medico di riferimento è in grado di risalire alla causa primaria che ha scaturito questo dolore che non vuole passare, e nel giro di qualche seduta (a seconda di vari fattori) risolverà o migliorerà drasticamente la tua problematica.

Concludendo: diverse dunque possono essere le cause che portano ad avere un dolore continuo e per questo è bene sottoporsi a tutte le analisi chimiche e strumentali suggerite dal medico. Una volte escluse patologie e altre problematiche di competenza medica, affidati al tuo Osteopata per ritrovare la corretta postura e tornare in salute.

Se pensi che possa essere un argomento interessante anche per altre persone CONDIVIDI. Se hai domande commenta qui sotto.

Alla prossima

2.604 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page